domenica 11 maggio 2008
Un po' di Napoli
Due giorni sono stati pochi per visitare questa splendida città, diciamo che è stato solo un assaggio e che la prossima volta potrò visitare quello che mi è mancato, tipo la costiera amalfitana, però veramente la sensazione è stata che Napoli è una città "Magica".



In questa città si respira, almeno nel centro storico che io ho visitato, un aria di grande libertà, se chiedi un informazione le persone non te la danno, ti ci portano direttamente e ti spiegano il posto! La gente è allegra, rilassata, sembra che abbia capito come funziona la vita, non c'è lo stress di chi abita nel centro-nord. I bambini stanno in strada a giocare, un pò come si faceva noi da piccoli, sono allegri, ben nutriti, non ho visto un bambino magro a Napoli!! A dieci anni hanno già la voce da uomo. La spazzatura? A Firenze ce n'è di più!! A Napoli vedi tante ragazze e ragazzi di 20 anni con il bambino in carrozzina. Da noi prima di 30/35 anni di figlioli non se parla neanche. "Piange, poi ingrasso..., voglio divertirmi..." A Napoli si mangia bene e si spende poco, la pizza che ho postato costava € 3,50 ed era deliziosa. Abbiamo bevuto la Falanghina dei Campi Flegrei, un vino bianco spettacolare che sta bene sia sulla pizza che sul pesce.







Ma c'è una cosa che mi ha colpito particolarmente, l'assoluta anarchia che c'è nel circolare per le strade da parte di macchine e motorini. Anzi, direi che non è anarchia, ma maggior libertà. Diciamo che il codice della strada se lo sono fatto su misura. Siamo noi, che abbiamo mille regole che se sgarri ti inculano e ci hanno tolto tutta la libertà. Siamo noi che abbiamo le Trappole, una ogni Kilometro, siamo noi che abbiamo i dossi, le rotonde, le telecamere, i palloncini... Se sulla sella del motorino ci stiamo bene in due, perchè debbo starci da solo? Perchè non portare sulla sella tutta la famiglia se nel traffico ti muovi meglio in scooter!!!

In due senza casco!!! Normale













In due senza casco tagliando per il marciapiede





Bambino alla guida!!!!
....Carina la mamma. Tutti senza casco.















"Ma su Furia si sta....anche in tre!!!" Di cui 1 senza casco














Ancora in tre, tutti senza casco e con neonato in braccio











In tre, ancora con neonato a bordo. Dietro si intravede su un auto con un bambino al volante che aiuta l'uomo nelle operazioni di parcheggio...











All' incrocio!!!

La maglia a riga orizzontale non snellisce!












Carico pesante!!!
















L'apoteosi!!!!


In 4!!! Ovviamente tutti senza casco.








Etichette:

 
posted by Virgilio Rospigliosi at 17:24 | Permalink |


21 Comments:


  • At 12 maggio 2008 00:47, Blogger Pino Amoruso

    ...ma vigili urbani niente???

     
  • At 12 maggio 2008 10:55, Blogger principessa

    Eh si è veramente eccezionale Napoli... la gente è allegra... non hanno pensieri.. vivono senza regole.. penso che si un mondo a se...Secondo me però alcune regole ci vogliono....ma sicuramente vivono meglio di noi. Visto le ragazze... tutte belle piene!!! Io quando sono andata a Napoli mi sentivo veramente un figurino!!! E poi l'odore della pizza, del caffè, il mare, il vesuvio, il paesaggio mozzafiato... tutto spendido.... Capri la costiera Amalfitana... tutto tutto veramente entusiasmante. Ciao Virgilio. A presto

     
  • At 12 maggio 2008 12:39, Blogger COMPAGNIDIVIAGGIO

    Signori, non lo dico per ironia, ma noi ci siamo autolimitati la nostra liberta, tramite l'imposizione di norme sempre più severe e punitive... perchè non poter andare in due o in tre su uno scooter, se la sella è abbastanza capiente? perchè non poter attraversare con lo scooter un piccolo tratto di marciapiede? posso decidere io o no se indossare o meno il casco? posso lasciare un attimo qui la macchina senza che arrivi il carro attrezzi? ecc.... io propongo: liberiamoci da tutte queste norme severe e burocrazie autoreferenziali, che si inaspriscono sempre più per legittimare la loro stessa esistenza, e cominciamo ad affidarci al "buon senso del padre di famiglia", peraltro previsto anche dal Codice Civile.... Napoli insegna...

     
  • At 12 maggio 2008 17:19, Blogger Silvia

    :) scene di tutti giorni queste a Napoli...Regna la totale Anarchia!Mah...Roba da pazzi!

    P.s.Nel centro storico ce n'è poca di spazzatura perchè altrimenti se ne scappano pure i turisti!
    Basta spostarsi un pò per trovarne a montagne...

    bye bye

     
  • At 12 maggio 2008 21:09, Blogger L

    Il casino è che se cadono, si fanno male in 4.

    Come si fa a non capirlo?

    Ciao,
    L.

     
  • At 12 maggio 2008 21:39, Blogger Miss Dickinson

    Sembra proprio di essere in un altro mondo, addirittura per 4 su uno scooter nel resto d'Italia ci sarebbe quasi l'arresto..!
    Forse è sbagliato, non lo so, ma le immagini che hai postato sono quasi una ventata d'aria fresca. Capisco che è sbagliato, che è pericoloso, ma il modo che hanno di affrontare queste interpretazioni della legge, fa anche sorridere.
    Per carità, lungi da me l'idea di legittimare queste infrazioni, anche perchè il rischio c'è e se cadono si fanno male tutti e 4, bambino compreso, ma sarà il momento, sarà il fatto che ne abbiamo parlato l'altro giorno, ma vedere quelle immagini mi mette il buonumore, non so perchè. :-)

     
  • At 12 maggio 2008 22:39, Blogger jack

    Ah Ah Ah :)
    Mitici i napoletani...
    Bella città Napoli e bellissima Capri e costiera amalfitana.
    Spero che ti sei divertito tanto.Ciao Virgilio;)

     
  • At 12 maggio 2008 23:25, Blogger Suysan

    le tue foto sono molto divertenti ma non trovo giusta questa anarchia....cosa insegnano ai loro figli? a non rispettare le regole? e se poi si fanno male?

     
  • At 12 maggio 2008 23:48, Blogger Virgilio Rospigliosi

    Pino, i vigili c'erano e anche i carabinieri. Hanno fermato 2 in motorino che stavano passando con il rosso al semaforo. Loro non sono passati ma un bel vaffanculo ai carabinieri glielo hanno detto. E' cosi'!!

    Principessa, grazie della visita, chissa' chi sarai...
    Le regole ce le hanno però se le sono fatte da se' e non sono uguali alle nostre.
    A presto

    Compagno, bello il concetto del buon padre di famiglia, concordo pienamente , in fondo se vado a giro senza casco non è perchè non me ne importa niente della mia vita, ma sarò pure libero di decidere io?

    Silvia, lo so ce lo hanno detto che a Pianura per esempio di spazzatura ce ne è sempre tanta e viaggiano in strade a tre corsie su una corsia perchè 2 sono occupate dalla spazzatura. Ma in centro sinceramente c'è più pulizia che nella mia Firenze.

    L, verissimo!! Ma credo che a un genitore stia a cuore suo figlio.

    Miss, brava... anche per me vedere queste cose è stata una ventata d'aria fresca, mi ha ricordato i tempi in cui andavo io in motorino e magari in 4 no, ma in tre siamo andati anche noi. E in due in Ciao senza casco era normale. Nel Boxer ci si stava meglio perchè aveva la sella più lunga. Sicuramente non voglio nemmeno io legittimare nessuno, ma tanto se deve succedere succede.

    Jack, mi sono davvero divertito. Abbiamo passato due giorni spensierati e rilassati.

    Suysan, E' vero, se poi si fanno male è un casino. Ma a volte è destino, e bisognerebbe un pò allentare la tensione. Bisognerebbe stare sempre in casa per quello. Anzi, nemmeno in casa perchè ti vengono ad agredire anche in casa!!! Di un pò meno tensione ne abbiamo sicuramente bisogno.

     
  • At 13 maggio 2008 11:05, Blogger NADIA

    hola bentornato sai quella canzone di Pino Daniele che fà"Napul è mille colure...Napul è mille paure...napul è na carta sporca e nessun se ne importa e ognuno aspetta a sorte" non credo che il mio napoletano sia esatto, anzi, ma questa è Napoli, o la si ama o la si odia..... contraddizioni, camorra, simpatia, tutto un fritto misto......evviva la vita è bella perchè è varia:-)
    un abbraccio!!!!

     
  • At 13 maggio 2008 11:15, Blogger stellastale

    a me che da quelle parti ci sono nata e ci vivo da 3 anni... scene così... mi fanno incazzare davvero!!! che vergogna... che vergogna.... e se quando vai in motorino ti metti il casco, e in auto la cintura e ti fai 3000 giri per non fottere il posto a un disabile o non lasciare l'auto sul marciapiede... o dichiari tutto il tuo reddito e paghi tutte le tue tasse.... quasi ti pigliano per scemo.... o meglio scema.... e invece io continuo a mettere la cintura, a evitare continue infrazioni al codice della strada, a rompere le palle sul casco e tante altre cose.... quella che descrivi non è libertà! è anarchia. è il 'me ne fotto... tanto dio ce penz!'. è quello che mi porta spesso a pensare che... va bene il sole, il mare, l'allegria, l'amore smisurato che nutro per la mia terra... ma certe volte scapperei volentieri!!! anche rinunciando alla pizza
    queste sono brutte cartoline da napoli

     
  • At 13 maggio 2008 11:16, Blogger stellastale

    pardon... da 33 anni... sono più vecchia... ehehehehe

     
  • At 13 maggio 2008 20:45, Blogger Elisa

    Non l'ho mai vista, ma da come scrivi è sicuramente bella da vivere!
    Spero che la totale anarchia sulle strade soprattutto, faccia si che stiano più attenti.

    Noi a ogni minimo errore veniamo multati e loro?

    Ciao ciao a presto!

     
  • At 13 maggio 2008 22:05, Blogger Virgilio Rospigliosi

    Nadia, è un pò così, sicuramente pieno di contraddizioni, ma per uno che viene da fuori in visita è una bella ventata di aria fresca.
    Un abracito

    Stella, la mia come forse avrai capito è un pò una provocazione, ma c'è anche una grande verità, che è quella che dovremmo un po' allentare la tensione e dire "che Dio ce penz!" ogni tanto, che qui non si vive più. Che con questi cavolo di autovelox-trappola se ti beccano quel mese non mangi. Che siamo tutti schedati!! Sicuramente ci vuole la giusta via di mezzo. Non so a viverci, ma a me mi ha dato una bella impressione.
    A presto

    Elisa, non lo so, ma io credo che di multe ne facciano ben poche. La devi far grossa per beccarla!!!
    Forse andare in controsenso su una ruota!!!
    A me è piaciuta tanto e te la consiglio una visita.
    Un abbraccio

     
  • At 14 maggio 2008 19:48, Blogger Elisa

    Allora è qui in Alto Adige che si vive una realtà differente... boh...

     
  • At 15 maggio 2008 00:17, Blogger Moky

    Ecco un'altra contraddizione di noi italiani: difendiamo i nostri figli a spada tratta con maestri, altri adulti etc, e poi li esponiamo a rischi, per me mortali, come quelli che hai fotografato. sono d'accordo con Suysan (visto che siamo tutte e due mamme!): bella la liberta', ma a che prezzo?? Basta un momento, una distrazione ed e' tutto finito. Vale la pena? secondo me e' una falsa sensazione di liberta'... e forse sono troppo mamma!

     
  • At 15 maggio 2008 14:22, Blogger ArabaFenice

    è incredibile poi come, a Napoli, il traffico agli incroci sia estremamente ordinato: si passa col rosso e ci si ferma con il verde. in fondo tutto è relativo, l'importante è che funzioni!

     
  • At 15 maggio 2008 20:47, Blogger Virgilio Rospigliosi

    Elisa, non solo in Alto Adige, anche in Toscana è così!

    Moky, capisco le tue preoccupazioni, la sicurezza è importante e bisogna sempre mettere dei limiti, in certi casi ci sono regole non scritte ma a cui tutti ci dovremmo attenere. Non te le dovrebbero imporre. Ai miei tempi si andava in Vespa in due senza casco normalmente eppure sono arrivato a quarant'anni senza problemi. Grazie della visita e a presto.

    Araba, a modo loro funziona tutto. E ci possiamo stare!!!

     
  • At 16 maggio 2008 21:06, Blogger Elena

    Bhe cosa pensavi di fotografare?
    Normale amministrazione no?O_o

    Sono d'accordo con Elisa, li cè una realtà diversa, dall'Italia.

    Ciauuuuuu

     
  • At 17 maggio 2008 12:11, Blogger jack

    Ciao Virgilio,passavo per augurarti un buon fine-settimana ;)
    Ciao.
    Jack

     
  • At 24 maggio 2008 14:03, Blogger MaryA

    Ciao
    Questo tuo post mi commuovee^.^°°°

    Mi compiaccio del fatto che Napoli ti abbia fatto tutto sommato un bell'effetto e ti invito a tornarci, ogni zona ha un volto differente, anche se il centro ha sempre quel fascino "folkloristico" incrollabile.

    Ciao, un bacio

    MaryA